Archivi del mese: Febbraio 2020

Eugenio Montale, Meriggiare pallido e assorto

da Ossi di seppia Meriggiare pallido e assorto Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto, ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi.

Pubblicato in Letteratura, Poesia, Verso la tradizione | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

#2 Matsuo Bashou, due haiku

Stagno antico,una rana che saltella.Schizzo d’acqua.

Pubblicato in Letteratura, Nippoesia, Poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Giuseppe Rivelli, ‘Ncoppa a la rosa

Il 24 febbraio 1773 nasceva Giuseppe Rivelli, figlio di don Ignazio conte di Rivello. Membro dell’Accademia dell’Arcadia, fu raffinato conoscitore del mondo classico. Celebre è la sua traduzione di Anacreonte (1835). da Nacrionte Tejo ‘Ncoppa a la rosa A l’ammore … Continua a leggere

Pubblicato in AnniVersario, Letteratura, Poesia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Fabrizio De André, Un malato di cuore

il 18 febbraio 1940 nasceva Fabrizio De André, considerato dalla maggior parte dei critici il piú grande cantautore italiano. Per ricordare la poesia di Faber proponiamo la lettura di Un malato di cuore, che racconta la storia di un giovane … Continua a leggere

Pubblicato in AnniVersario, Letteratura, Poesia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

#1 Kobayashi Issa, tre haiku

Fui solamente.Sono.Nevicava.

Pubblicato in Letteratura, Nippoesia, Poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Giorgio Caproni, Ricordo

da Come un’allegoria Ricordo Ricordo una chiesa antica, romita, nell’ora in cui l’aria s’arancia e si scheggia ogni voce sotto l’arcata del cielo.

Pubblicato in Letteratura, Poesia, Verso la tradizione | Contrassegnato , , , | Lascia un commento