#2 Simone Consorti, Il miliziano morente

  • 32
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  
    32
    Shares

Per la rubrica Immagine trovata tra due pagine

Nel pieno della Guerra civile spagnola, qualche anno prima di fotografare lo sbarco in Sicilia e poi quello in Normandia, Robert Capa si unisce ai repubblicani spagnoli in Andalusia. Lì, il 5 settembre 1936, nella località di Cerro Muriano, viene scattata The falling soldier, una delle foto di guerra più celebri del Novecento, ma in quali circostanza e da chi? C’è chi l’ha trovata ‘posata’, considerando improbabile la postura, troppo simile a quella del giustiziato in 3 maggio 1808 di Goya. Alcuni storici hanno eccepito che non c’erano stati scontri armati in campo aperto in quel giorno in quella località. Una testimone, amico della coppia, ha, inoltre, affermato che quello scatto l’avesse fatto non Capa, ma la sua compagna Gerda Taro. Secondo la versione di Capa, mentre correvano in direzione di una mitragliatrice, lui avrebbe continuato a scattare, senza guardare nell’obiettivo e tenendo la macchina ad altezza del petto, quasi per farsi proteggere, e accorgendosi dello scatto solo successivamente. La verità su questo scatto, leggermente fuori fuoco (“slightly out of focus”, come Capa intitolerà la sua autobiografia) rimarrà un mistero.

Dicono che un uomo vivo
sia entrato nel mio campo visivo
e che già morto sia uscito
dal mio obiettivo
Stavo scappando e non mi sono accorto
di quel che avevo attorno
o forse addosso
Dicono che una foto
sia qualcosa che è e che è stato
e che la pellicola della vita
non può prendere luce
una volta immortalata
L’unica cosa certa è che io c’ero
c’ero
c’ero in quello sparo sordo e cieco
luminoso ed assordante come un’eco

© Simone Consorti

Questa voce è stata pubblicata in Immagine trovata tra due pagine, Letteratura, Poesia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *